User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
GPS NEWS

Lancio del nuovo sistema di navigazione Galileo quartetto
da Staff Writers
Parigi (ESA) Nov 18, 2016



Prossimi quattro satelliti Galileo in Europa sollevati fuori alle 13:06 GMT (14:06 CET, 10:06 ora locale) il 17 novembre dallo spazioporto europeo nella Guyana francese in cima ad un vettore Ariane 5. Immagine gentilmente concessa da ESA-S Corvaja. Per una versione più grande di questa immagine vai qui .

Un razzo Ariane 5 ha lanciato altri quattro satelliti di Galileo, accelerando l'implementazione del nuovo sistema di navigazione satellitare. L'Ariane 5, gestito da Arianespace, è decollato dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guiana francese alle 13:06 GMT (14:06 CET, 10:06 ora locale) portando Galileo satelliti 15-18. La prima coppia è stato rilasciato 3 ore 35 minuti e 44 secondi dopo il decollo, mentre la seconda separati 20 minuti più tardi.

I Galileos sono al loro quota di destinazione, dopo un rilascio impeccabile dal nuovo distributore progettato per gestire quattro satelliti.

Nei prossimi giorni, i tecnici potranno spingere i satelliti nelle loro orbite di lavoro finali e cominciare i test per assicurarsi che siano pronti a unirsi alla costellazione. Questo è prevista per sei mesi o giù di lì. Questa missione porta il sistema Galileo a 18 satelliti.

I satelliti già in orbita consentirà alla Commissione europea di dichiarare l'inizio dei servizi iniziali, previsto verso la fine dell'anno.

I precedenti 14 satelliti sono stati lanciati due alla volta utilizzando il razzo Soyuz-Fregat.

"Ora che siamo in grado di fare affidamento sul potente Ariane 5, possiamo anticipare il completamento più rapido di distribuzione Galileo, permettendo al sistema di entrare a regime", ha sottolineato Paul Verhoef, direttore dell'ESA per il programma Galileo e attività di navigazione-correlati.

Due ulteriori Ariane 5 lanci sono previsti nel 2017 e nel 2018. Il sistema completo di 24 satelliti, più i ricambi si pensa che sia in atto entro il 2020.

"Con questo 75 ° lancio di successo di fila, Ariane-5 stabilisce un nuovo record all'interno europeo sviluppato lanciatori e dimostra ancora una volta la sua affidabilità", ha dichiarato Daniel Neuenschwander, direttore dell'ESA per lanciatori.

 

 



Link correlati
Galileo a ESA
Applicazioni GPS, la tecnologia e fornitori

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

ESA > Le nostre attività > Space Engineering & Technology > Tecnologia Talking

Frank Salzgeber

Frank Salzgeber, responsabile del Trasferimento Tecnologico dell'ESA Programme Office (TTPO)

Programma di Trasferimento Tecnologico dell'ESA porta lo spazio sulla terra - da comete di start-up. Sosteniamo gli imprenditori che utilizzano la tecnologia spaziale e di dati spaziali in tutto nuovi campi e applicazioni. Questo investimento locale crea con successo centinaia di posti di lavoro ogni anno, aumentando le industrie locali in tutta Stati membri dell'ESA. 

La nostra attività negli ultimi anni è notevolmente aumentato. Abbiamo stabilito un totale di 16 ESA Business Incubation Centre (BIC) in tutta Europa, dove collaboriamo con partner locali per dare start-up il miglior supporto possibile. Oltre a spazi per uffici, ogni avviamento riceve fondi pre-seed ed è sostenuto - e allenato - su come raccogliere ulteriori finanziamenti attraverso gli investitori.

BIC ospita anche regolarmente corsi di formazione che coprono argomenti come il marketing, social media o di questioni legali. Nel corso della loro incubazione due anni, una start-up ha ulteriormente l'accesso al supporto tecnico da diverse sedi ESA, istituti di ricerca nazionali e partner industriali, aprendo le porte a preziose reti internazionali.

Come un recente esempio, un ESA BIC start-up utilizzato la tecnologia spettrometro originariamente sviluppata per Rosetta dell'ESA. Nuove applicazioni di questa tecnologia rilevano segni di infestazione letto bug nelle camere d'albergo e fiutare le prove di ulcere gastriche sul respiro dei pazienti. Questi risultati si uniscono una lunga lista di soluzioni spaziali che ritornano sulla Terra, dai compositi leggeri per le automobili di plasma freddo per la disinfezione medica, per l'agricoltura di precisione per incrementare le rese agricole.

 

In questo processo abbiamo nutrito oltre 400 nuove società fino ad oggi. Questo numero è destinato a crescere ancora più in là. La rete BIC nel suo complesso sta supportando 130 nuove start-up ogni anno - ogni impatto positivo sul mercato del lavoro, con alcuni dei nostri ex studenti già in possesso di 30-50 dipendenti. 

Non è solo che beneficiano delle grandi opportunità che lo spazio ha da offrire start-up. Lo spazio è un ambiente così stimolante che le tecnologie sviluppate per esso sono in una classe di loro. L'applicazione di questo know-how nel campo terrestre è una prospettiva attraente per tutti i tipi di imprese. Attraverso la nostra rete paneuropea di 15 intermediari tecnologici cerchiamo di lavorare a stretto contatto con le grandi aziende che fanno uso di tecnologie spaziali per migliorare le loro esigenze di business, aumentare la competitività. Sia le piccole e grandi aziende sono in grado di concedere in licenza la proprietà intellettuale dell'ESA per questi scopi, che è gestito anche dalla TTPO.

Il nostro ruolo è davvero favorire un ecosistema favorevole all'innovazione e all'imprenditorialità

Una lezione che abbiamo imparato attraverso questo processo è che il nostro ruolo è proprio quello di promuovere un ecosistema favorevole all'innovazione e all'imprenditorialità. Il nostro approccio è una rete europea, ma con un tocco locale. Questo tipo di ambiente deve essere stabilita su base regionale da collegamento con i partner giusti: i nostri BIC e broker di trasferimento di tecnologie lavorano a stretto contatto con i governi regionali, istituti di ricerca e università, mentre la rete europea garantisce un grande mercato e di sensibilizzazione per il nostro successo start-up e trasferimenti.

Questi partner sono una fonte di leva finanziaria, estendere l'efficacia degli investimenti dell'ESA - l'Agenzia finisce solo fino muniti di un terzo del costo di ogni nuovo BIC. Il risultato è stato di nuovi hi-tech delle imprese, occupazione e crescita in tutta Europa, rafforzando la competitività globale del nostro continente e la prosperità.

Ultimo aggiornamento: 21 nov 2016

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Ispezione specchio primario del JWST

Ispezione specchio primario del JWST

Dettagli

Aperto chiuso
  • Titolo specchio primario di Ispezione JWST
  • Rilasciato 21/11/2016 10:46
  • Copyright NASA-C. Gunn
  • Descrizione

    Prima di un veicolo spaziale va nello spazio che deve essere sottoposto a rigorosi test per confermare che può sopportare le vibrazioni violente e suoni durante il lancio.

    Per il potente 6.5 m di diametro del telescopio del telescopio spaziale James Webb, o JWST, rendendo le stesse misure sia prima che dopo un lancio simulato è una parte vitale di confermare sua ottica non saranno influenzati negativamente dal vero lancio.

    In un recente 'prima' di prova, gli ingegneri effettuate le misurazioni altamente precise della forma dello specchio principale in un 'centro di curvatura' test.

    Hanno fatto le misurazioni dettagliate di forma e posizione dei segmenti dello specchio ', cercando come la luce viene riflessa da loro. Poi si confronta con un riferimento che rappresenta ciò che gli specchi idealmente dovrebbe essere. La tecnica permette di eventuali differenze da definire con incredibile precisione, e per garantire gli specchi sono perfettamente allineati.

    Dopo che il telescopio ha sperimentato le condizioni di lancio simulato, il test sarà ripetuto per confermare che l'ottica sarà davvero sopravvivere ai rigori del lancio.

    JWST è un progetto congiunto della NASA, ESA e l'Agenzia spaziale canadese, ed è previsto per il lancio nel mese di ottobre 2018 un razzo Ariane 5 dallo spazioporto europeo di Kourou.

    grandi obiettivi dell'Osservatorio sono rilevare le prime galassie nell'Universo e dopo la loro evoluzione nel tempo cosmico, assistendo alla nascita di nuove stelle e dei loro sistemi planetari, e studiare pianeti del nostro Sistema Solare e attorno ad altre stelle.

    Il test è stato condotto da un team della NASA Goddard, Ball Aerospace di Boulder, Colorado, e lo Space Telescope Science Institute di Baltimora nel Maryland. La voce si basa sul relativo notizia NASA descritto il 2 novembre.

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

ESA > Le nostre attività > Human Spaceflight > Proxima

 apertura Proxima Hatch
19 Novembre 2016

L'astronauta dell'ESA Thomas Pesquet, l'astronauta della NASA Peggy Whitson e Roscosmos comandante Oleg Novitsky agganciato alla Stazione Spaziale Internazionale oggi, dopo un volo di due giorni nella loro Soyuz MS-03 veicoli spaziali. 

Proxima decollo

Il trio è stato lanciato dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan 17 novembre alle 20:20 GMT e godeva di un volo di routine per recuperare il ritardo con la Stazione Spaziale 400 km in su.

Questo è stato il primo lancio di un astronauta dell'ESA su una versione aggiornata della navicella cavallo di battaglia che è stato in servizio per quasi 50 anni. Nonostante la modernizzazione, per l'equipaggio è stato come aver trascorso due giorni in una piccola auto. Durante tutto il viaggio degli astronauti tenuti in contatto radio con controllo a terra di Mosca.

Dopo l'attracco alle 21:58 GMT, Thomas, Peggy e Oleg sono stati accolti a bordo della Stazione Spaziale a 00:40 GMT con l'astronauta della NASA Shane Kimbrough e cosmonauti Andrei Borisenko e Sergei Ryzhikov.

I sei manterrà la Stazione e lavorare su esperimenti scientifici che non può essere fatto in qualsiasi altro luogo, sfruttando l'assenza di gravità che è unico per il laboratorio spaziale.

Questo segna l'inizio della missione Proxima di Thomas, dal nome della stella più vicina al Sole - continuando una tradizione di nominare missioni con astronauti francesi dopo stelle e costellazioni. 

La missione è parte della visione dell'ESA utilizzare navicella spaziale Terra-orbita come un posto dove vivere e lavorare per il bene della società europea, mentre utilizzando l'esperienza di preparare i futuri viaggi di esplorazione ulteriormente nel sistema solare.

Thomas eseguirà circa 50 esperimenti scientifici per l'ESA e CNES agenzia spaziale francese, così come prendere parte a numerose attività di ricerca per gli altri partner della stazione.

Questa è la missione di lunga durata nono per un astronauta ESA e Thomas è l'ultima delle 2009 reclute dell'ESA a volare nello spazio. Un ex pilota di linea, è il primo astronauta francese a visitare la stazione dal dell'ESA Léopold Eyharts ha aiutato a installare il modulo europeo Columbus nel 2008.

I nuovi arrivati ​​trascorreranno sei mesi nello spazio, prima di tornare in Soyuz MS-03 per atterrare nelle steppe del Kazakhstan. dell'ESA Paolo Nespoli, il backup in questa missione, sta preparando se stesso per il lancio nel 2017, poco dopo ritorna Thomas.

Thomas Pesquet onde addio alla famiglia e gli amici

Breadcrumbs

Syndication

feed-image My Blog
© 2017 italo-inca.naunet.eu
Design by vonfio.de