User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
SPACEWAR

US Air Force per introdurre Spazio sistema di sorveglianza basato nel 2021
da Staff Writers
Washington DC (Sputnik) 2 ago 2016



file immagine.

La United States Air Force prevede di lanciare un sistema di sorveglianza spaziale di nuova generazione basate nello spazio nel 2021. Il Based Surveillance System Spazio (SBSS) sarà utilizzato per tenere traccia degli oggetti spaziali, in primo luogo i satelliti, in orbita geostazionaria. Situato a circa 36.000 chilometri sopra l'equatore, la zona è densamente popolata, con una forte concorrenza per il posizionamento satellitare.

Il concorso per la vicinanza orbitale, radicata nei numerosi vantaggi di avere un satellite ad una distanza orbitale specifica dalla superficie terrestre e appeso sopra un punto specifico, ha portato alcuni funzionari statunitensi e del governo a sentirsi minacciati da dispositivi di Russia e Cina, e ha posto una priorità del programma SBSS.

Il Pathfinder Bloc 10, il primo satellite della serie, è stato lanciato nel 2010. E 'stato inizialmente previsto per funzionare per 7 anni, ma la sua durata è stata estesa fino al 2020, quando una costellazione di tre satelliti di nuova generazione sono impostati per essere collocato in orbita.

Alcuni $ 27 milioni sono stati stanziati per la US Air Force per il programma SBSS. La durata di vita precedente del satellite Pathfinder originale spostato il calendario del programma di SBSS 'Follow-on' tuttavia, con conseguente finanziamento significativamente ridotto. La US Air Force ha inviato una lettera al Congresso, dicendo circa 11 milioni di $ del valore originario è stato eccessivo "a causa di rifasamento del programma Follow-on SBSS."

Air Force portavoce capitano. AnnMarie Annicelli ha detto in una e-mail a 22 luglio SpaceNews che il finanziamento SBSS "è stato allineato in base al palinsesto rettificato, che ha permesso la riduzione $ 11,5 [milioni]."

Annicelli detto che il lancio dei satelliti di follow-on rimane mirato per 2021, ma non ha dettaglio altri cambiamenti di programma del programma.

Una delle caratteristiche chiave proposte di SBSS programma di follow-on è la possibilità di ospitare payload di sorveglianza su satelliti per le comunicazioni commerciali posizionati in orbita geostazionaria.

Fonte: Sputnik Notizie

 



Link correlati
US Air Force
Spazio Military News a SpaceWar.com

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
MARSDAILY

Mars Calanchi probabilmente non Formata da Liquido
da Staff Writers
Pasadena CA (JPL) 2 agosto, 2016



canaloni di Marte, come si vede nell'immagine in alto da HiRISE sul Mars Reconnaissance Orbiter della NASA assomigliano canaloni sulla Terra che sono scolpiti da acqua allo stato liquido. Immagine per gentile concessione NASA / JPL-Caltech / UA / JHUAPL.

Nuove scoperte utilizzando i dati provenienti da Mars Reconnaissance Orbiter della NASA mostrano che canaloni di Marte moderna potrebbero non essere formate da che scorre acqua allo stato liquido. Questa nuova prova permetterà ai ricercatori di altre teorie strette su come canaloni di Marte forma, e per scoprire nuovi dettagli su recenti processi geologici di Marte '.

Gli scienziati usano il termine "canale" delle caratteristiche sul Mars che condividono tre caratteristiche nella forma: una nicchia nella parte superiore, un canale e un grembiule di materiale depositato sul fondo.

Calanchi sono distinti da un altro tipo di funzione su pendii di Marte, striature chiamate "lineae pista ricorrente", o RSL, che si distinguono per oscuramento stagionali e dissolvenza, piuttosto che le caratteristiche di come si forma il terreno. L'acqua in forma di sale idrato è stato identificato nei siti RSL. Il nuovo studio si concentra sui calanchi e il loro processo di formazione con l'aggiunta di informazioni di composizione per immagini precedentemente acquisite.

I ricercatori della Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory (APL) a Laurel, nel Maryland, hanno esaminato ad alta risoluzione dati relativi alla composizione di oltre 100 siti in tutto burrone Marte. Questi dati, raccolti da Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer del Mars Orbiter per (CRISM), sono stati poi correlati con immagini di alta risoluzione Imaging Science Experiment stesso della sonda (HiRISE) della fotocamera e Context Camera (CTX).

I risultati hanno mostrato alcuna prova mineralogica di acqua allo stato liquido abbondante o suoi derivati, indicando in tal modo a meccanismi diversi dal flusso di acqua - come il gelo e disgelo di anidride carbonica gelo - come le determinanti principali del recente evoluzione gola.

Calanchi sono una caratteristica diffusa e comune sulla superficie di Marte, per lo più si verificano tra i 30 ei 50 gradi di latitudine in entrambi gli emisferi settentrionale e meridionale, in genere sui pendii che si affacciano verso i poli.

Sulla Terra, canaloni simili sono formate da che scorre acqua allo stato liquido; Tuttavia, nelle condizioni attuali, acqua liquida è transitorio sulla superficie di Marte, e può verificarsi solo piccole quantità di salamoia anche a striature RSL. La mancanza di acqua sufficiente per intagliare gole ha portato a una varietà di teorie per la creazione gole ', compresi i diversi meccanismi che coinvolgono l'evaporazione di acqua e anidride carbonica gelo.

"Il team di HiRISE e altri avevano mostrato c'era attività stagionale in canaloni - soprattutto nel sud del mondo -. Nel corso degli ultimi due anni, e l'anidride carbonica gelo è il principale meccanismo che sospettati di causando Tuttavia, altri ricercatori hanno favorito acqua liquida come il principale meccanismo ", ha detto Jorge Nunez di APL, l'autore principale dello studio.

"Quello che HiRISE e altri imager non sono stati in grado di determinare da soli è stata la composizione del materiale in canaloni, perché sono telecamere ottiche. Per portare un altro pezzo importante per aiutare a risolvere il puzzle, abbiamo utilizzato CRISM, uno spettrometro ad immagine, a guardare a ciò che i tipi di minerali erano presenti nei canaloni e vedere se potevano far luce sul meccanismo principale responsabile ".

Nunez ed i suoi colleghi hanno approfittato di un nuovo prodotto di dati CRISM chiamato proiettato mirata ridotto set di dati. Ha permesso loro di svolgere più facilmente le loro analisi e quindi correlare i risultati con le immagini HiRISE.

"Sulla Terra e su Marte, sappiamo che la presenza di fillosilicati - argille - o di altri minerali idrati indica la formazione di acqua allo stato liquido", ha detto Nunez.

"Nel nostro studio, abbiamo trovato alcuna evidenza di argille o altri minerali idrati nella maggior parte dei calanchi abbiamo studiato, e quando abbiamo fatto vedere loro, erano i detriti di erosione da antiche rocce, esposti e trasportati discendente, piuttosto che modificata nel più recente, che scorre acqua. Questi burroni stanno aprendo nel terreno ed esponendo argille che probabilmente formavano miliardi di anni fa, quando l'acqua liquida era più stabile sulla superficie di Marte ".

Altri ricercatori hanno creato modelli computerizzati che mostrano come sublimazione della stagione gelo biossido di carbonio in grado di creare gole simili a quelli osservati su Marte, e come la loro forma può imitare i tipi di calanchi che l'acqua liquida creerebbe. Il nuovo studio aggiunge il supporto a quei modelli.

APL costruito e gestisce CRISM, uno dei sei strumenti con i quali il progetto Mars Reconnaissance Orbiter ha esaminato Marte dal 2006. Jet Propulsion Laboratory della NASA, una divisione del Caltech di Pasadena, in California gestisce il progetto per la NASA Science Mission Directorate a Washington. Lockheed Martin Space Systems di Denver costruito l'orbiter e supporta le sue operazioni.

I risultati sono stati pubblicati in Geophysical Research Letters.

 



Link correlati
Mars Reconnaissance Orbiter
Mars Notizie e informazioni a MarsDaily.com
lunari Sogni e altro

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
MARSDAILY

Mars Rover conferma 'Egg Rock' è caduta meteorite di ferro-nichel
da Brooks Hays
Albuquerque (UPI) Nov 3, 2016



disclaimer: immagine è solo a scopo illustrativo

Il rover Curiosity su Marte ha confermato l'identità di un piccolo globulo metallico, individuato la scorsa settimana dagli scienziati nelle immagini catturate dalla MastCam del rover. Nuova analisi chimica suggerisce si tratta di un meteorite di ferro-nichel.

"L'aspetto scuro, liscia e brillante di questo obiettivo, e il suo tipo di forma sferica attirato l'attenzione di alcuni scienziati MSL quando abbiamo ricevuto le immagini MastCam presso la nuova sede," Pierre-Yves Meslin, un astrofisico presso il Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica la ricerca in Francia, ha spiegato in un comunicato stampa.

Incuriosito dalla comparsa del globulo, gli scienziati che lavorano alla missione Curiosity incaricato il rover di analizzare l'oggetto con il suo ChemCam alimentato laser. Lo strumento ha sparato una serie di impulsi laser al meteorite da varie angolazioni.

I valori iniziali indicano la presenza di ferro, nichel e fosforo, un trifecta comune in meteoriti di ferro-nichel - la prova della sua probabile origine all'interno del nucleo fuso di un asteroidi fusione.

"Meteoriti di ferro forniscono registrazioni di molti asteroidi diversi che si sciolse, con frammenti di loro nuclei finiscono sulla Terra e su Marte", ha spiegato Horton Newsom, uno scienziato del team di ChemCam e ricercatore presso l'Università del New Mexico. "Marte potrebbero aver provato una popolazione diversa di asteroidi di Terra ha."

Newsom, Meslin e altri membri del team ChemCam stanno attualmente analizzando i risultati delle impulsi laser rimbalzarono Egg Rock. I ricercatori sperano di confrontare composizione della superficie del meteorite per i suoi interni, al fine di valutare quanto tempo è stato appoggiato sulla superficie di Marte, esposti alle intemperie. Gli scienziati vogliono anche confrontare Egg Rock a campioni di meteoriti trovato altrove su Marte - e di campioni di meteoriti dalla Terra.

Nel frattempo, Curiosità proseguirà la sua strada fino Mount Sharp, alla ricerca di prove di antichi cambiamenti ambientali su Marte.

 

 


Link correlati
Mars Notizie e informazioni a MarsDaily.com
lunari Sogni e altro

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
Ice World

Perché il nostro pianeta sperimentare una glaciazione ogni 100.000 anni?
Da Staff Writers
Cardiff, Regno Unito (SPX) 2 novembre 2016



Il clima della Terra è attualmente in un periodo caldo tra i periodi glaciali. L'ultima glaciazione si è conclusa circa 11.000 anni fa. Da allora, le temperature e del livello del mare sono aumentati, e calotte di ghiaccio si sono ritirati di nuovo ai poli. Oltre a questi cicli naturali, le emissioni di carbonio dall'uomo stanno avendo un effetto riscaldando il clima.

Gli esperti da Cardiff University hanno offerto una spiegazione sul motivo per cui il nostro pianeta ha cominciato a muoversi dentro e fuori di ere glaciali ogni 100.000 anni. Questo misterioso fenomeno, soprannominata la '100.000 problema dell'anno', è stato che si verificano negli ultimi milioni di anni o giù di lì e porta a grandi strati di ghiaccio che copre il Nord America, Europa e Asia. Fino ad ora, gli scienziati sono stati in grado di spiegare il motivo per cui questo accade.

ere glaciali del nostro pianeta utilizzati per verificare ad intervalli di ogni 40.000 anni, che aveva un senso per gli scienziati, come le stagioni della Terra varia in modo prevedibile, con estati più fredde che si verificano in questi intervalli.

Tuttavia c'era un punto, circa un milione di anni fa, chiamato il 'Mid-pleistocene di transizione', in cui gli intervalli di età di ghiaccio cambiato da ogni 40.000 anni ad ogni 100.000 anni.

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Geology ha suggerito gli oceani possono essere responsabili di questo cambiamento, in particolare nel modo in cui fanno schifo anidride carbonica (CO2) dall'atmosfera.

Studiando la composizione chimica di piccoli fossili sul fondo dell'oceano, il team ha scoperto che non vi era più CO2 immagazzinata nelle profondità dell'oceano durante i periodi di età di ghiaccio a intervalli regolari ogni 100.000 anni.

Questo suggerisce che l'anidride carbonica supplementare veniva trascinato dall'atmosfera e negli oceani in questo momento, successivamente abbassando la temperatura sulla Terra e permettendo strati di ghiaccio di inghiottire l'emisfero settentrionale.

autore principale del professore di ricerca Carrie Lear, dalla Facoltà di Scienze della Terra e dell'Oceano, ha dichiarato: "Siamo in grado di pensare degli oceani come inspirare ed espirare anidride carbonica, in modo che quando le lastre di ghiaccio sono più grandi, gli oceani hanno inalato anidride carbonica dal atmosfera, rendendo il pianeta più freddo. Quando le lastre di ghiaccio sono di piccole dimensioni, gli oceani hanno esalato l'anidride carbonica, quindi non c'è più l'atmosfera che rende il pianeta più caldo.

"Guardando i fossili di piccole creature sul fondo dell'oceano, abbiamo dimostrato che quando i fogli di ghiaccio stavano avanzando e ritirandosi ogni 100.000 anni gli oceani sono stati inalazione di anidride carbonica nei periodi freddi, suggerendo che c'era meno lasciato in atmosfera."

alghe marine svolgono un ruolo chiave nella rimozione di CO2 dall'atmosfera in quanto è un ingrediente essenziale della fotosintesi.

CO2 viene rimesso nell'atmosfera quando l'acqua dell'oceano profondo affiora in superficie attraverso un processo chiamato risalita di acque profonde, ma quando è presente una grande quantità di ghiaccio marino questo impedisce la CO2 di essere espirata, che potrebbe rendere le lastre di ghiaccio più grande e prolungare il ghiaccio età.

"Se pensiamo degli oceani inspirare ed espirare anidride carbonica, la presenza di grandi quantità di ghiaccio è come un gobstopper gigante. E 'come un coperchio sulla superficie del mare", ha continuato il prof Lear.

Il clima della Terra è attualmente in un periodo caldo tra i periodi glaciali. L'ultima glaciazione si è conclusa circa 11.000 anni fa. Da allora, le temperature e del livello del mare sono aumentati, e calotte di ghiaccio si sono ritirati di nuovo ai poli. Oltre a questi cicli naturali, le emissioni di carbonio dall'uomo stanno avendo un effetto riscaldando il clima.

 



Link correlati
Università di Cardiff
Al di là del glaciale

Breadcrumbs

Syndication

feed-image My Blog
© 2017 italo-inca.naunet.eu
Design by vonfio.de