User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
MARSDAILY

Prove di salamoia 'scorre' su Marte: studio di acqua
Con Mariette LE ROUX
Parigi (AFP) 28 settembre 2015


Linee curiosi che funzionano in discesa sulla superficie di Marte può essere striature di salamoia super-salato, ha detto che le ultime scoperte lunedì nella ricerca scientifica per l'acqua liquida extra-terrestre, una condizione indispensabile per la vita.

Una squadra degli Stati Uniti e la Francia ha detto che ha trovato prove nelle linee di sali minerali "idratati", che richiedono acqua per la loro creazione.

Questi risultati "sostengono con forza l'ipotesi" di acqua liquida su Marte oggi, hanno concluso un documento di ricerca pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

Gli astrofisici hanno a lungo ipotizzato che le striature di stagione, soprannominato "pista lineae ricorrenti" (RSL), possono essere formati da salamoia flussi sul Pianeta Rosso.

Le linee, fino a qualche centinaio di metri di lunghezza e di solito meno di cinque metri (16 piedi) di larghezza, appaiono sui pendii durante le stagioni calde, allungare, poi svanire come si raffreddano.

Ma immagini spaziali non sono state sufficientemente dettagliato per sondare ciò che è all'interno delle linee - la risoluzione dei pixel è più grossolana rispetto alla larghezza delle strisce.

Nel mese di aprile, gli scienziati hanno riferito nella stessa rivista che perclorato sali, come quelli nel nuovo studio, sono stati "diffusa" sulla superficie del nostro vicino planetario e condizioni di umidità e temperatura giusta per di esistere salamoie salati.

Perclorato è altamente assorbente e abbassa il punto di congelamento dell'acqua in modo che rimanga liquido a temperature più fredde.

Il nuovo studio ha trovato segni di questi stessi sali nella striature enigmatico.

"Quello che il nostro giornale non è confermare ulteriormente questa possibilità teorica" ​​di salamoie liquida su Marte, co-autore Lujendra Ojha del Georgia Institute of Technology di Atlanta ha detto alla AFP via e-mail.

- 'Quasi' la prova -

Il team ha messo a punto un metodo per estrarre più dati dal singoli pixel nelle immagini dallo strumento CRISM spettrometro su della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, e trovò dettagli "coerentemente con la presenza di sali minerali idrati che precipitano (cristallizzano) da acqua", secondo una natura comunicato stampa.

"I risultati suggeriscono fortemente un legame tra le striature transitori sui pendii di Marte e il flusso di salamoie liquidi", ha aggiunto.

Alla domanda se i dati sono stati la prova inequivocabile di acqua liquida su Marte, un altro degli autori dello studio, Alfred McEwen dalla University of Arizona, ha detto a AFP: "direi quasi".

Ma se ci fosse, era probabile "terreno bagnato, non acqua libera seduto in superficie", ha detto via e-mail.

E 'ampiamente accettato che il Pianeta Rosso un tempo ospitava acqua abbondante in forma liquida, e ha ancora oggi l'acqua, anche se congelato nel ghiaccio sotterraneo.

All'inizio di quest'anno, Nasa ha detto che quasi la metà dei nell'emisfero settentrionale di Marte 'una volta era stato un oceano, raggiungendo una profondità superiore a 1,6 chilometri (un miglio).

Ma l'87 per cento della preziosa sostanza è stata persa nello spazio.



Link correlati
Marte Notizie e informazioni a MarsDaily.com
Lunar Sogni e altro

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
MARSDAILY

La NASA conferma la prova che liquida acqua Scorre su Marte di oggi
by Staff Scrittori
Pasadena CA (JPL) 29 set 2015



Scuro, strisce strette sui pendii marziani come queste a Hale Crater sono desunti essere formata dal flusso stagionale di acqua su Marte contemporaneo. Le strisce sono approssimativamente la lunghezza di un campo di calcio. Image credit: NASA / JPL-Caltech / Univ. dell'Arizona

Nuovi risultati di Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA forniscono la prova più forte ancora che l'acqua liquida scorre intermittente su odierna Marte.

Usando uno spettrometro ad immagine su MRO, ricercatori hanno rilevato le firme di minerali idrati sui pendii dove strisce misteriose si vedono sul Pianeta Rosso. Queste striature scure sembrano flusso e riflusso nel corso del tempo. Si scuriscono e sembrano fluire pendii ripidi giù durante le stagioni calde, e poi svanire nelle stagioni più fredde. Essi appaiono in diverse località su Marte quando le temperature sono superiori meno 10 gradi Fahrenheit (meno 23 gradi Celsius), e scompaiono, a volte freddi.

"La nostra ricerca su Marte è stato quello di 'seguire l'acqua,' nella nostra ricerca di vita nell'universo, e ora abbiamo la scienza convincente che convalida quello che abbiamo a lungo sospettato," ha detto John Grunsfeld, astronauta e socio amministratore della Scienza della NASA Mission Directorate a Washington. "Questo è uno sviluppo significativo, in quanto sembra confermare che l'acqua - seppur salata -. Fluisce oggi sulla superficie di Marte"

Questi flussi in discesa, noti come ricorrenti pendenza lineae (RSL), spesso sono stati descritti come possibilmente correlati a acqua allo stato liquido. I nuovi risultati di sali idrati sul punto di ciò che questo rapporto possa essere a queste caratteristiche oscure piste.

I sali idrati avrebbero abbassare il punto di congelamento di una salamoia liquido, come il sale sulle strade qui sulla Terra provoca neve e ghiaccio a sciogliersi più rapidamente. Gli scienziati dicono che è probabile un flusso sottosuolo profondo, con acqua sufficiente traspirazione alla superficie di spiegare l'oscuramento.

"Abbiamo trovato solo i sali idrati quando le caratteristiche stagionali erano più ampia, il che suggerisce che o gli stessi o un processo che forma loro è la fonte della idratazione. In entrambi i casi strisce scure, la rilevazione di sali idrati su questi pendii significa che l'acqua svolge un ruolo fondamentale nella formazione di queste strisce, "ha detto Lujendra Ojha del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) di Atlanta, autore principale di una relazione su questi risultati pubblicati 28 settembre da Nature Geoscience.

Ojha prima notato queste caratteristiche sconcertanti come University of Arizona studente universitario nel 2010, utilizzando immagini del MRO High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE). Osservazioni HiRISE ora hanno documentato RSL a decine di siti su Marte. Le nuove coppie di studio osservazioni HiRISE con mappatura minerale di Spectrometer Reconnaissance Imaging compatto di MRO per Mars (CRISM).

Le osservazioni dello spettrometro mostrano firme dei sali idrati in più posizioni RSL, ma solo quando le caratteristiche scuri erano relativamente ampio. Quando i ricercatori hanno esaminato le stesse posizioni e RSL non erano così estese, che rilevato senza sale idratato.

Ojha e il suo co-autori interpretano le firme spettrali come causate da minerali idrati chiamati perclorati. I sali idrati più coerenti con le firme chimiche sono probabilmente una miscela di perclorato di magnesio, magnesio e clorato di sodio perclorato.

Alcuni perclorati hanno dimostrato di mantenere i liquidi dal congelamento anche quando le condizioni sono freddi come meno 94 gradi Fahrenheit (meno 70 gradi Celsius). Sulla Terra, naturalmente prodotti perclorati sono concentrate in deserti, e alcuni tipi di perclorati possono essere utilizzati come propellente per razzi.

Perclorati sono stati precedentemente visto su Marte. Phoenix lander della NASA e curiosità rover entrambi li ha trovati nel suolo del pianeta, e alcuni scienziati ritengono che le missioni Viking nel 1970 misurati firme di questi sali. Tuttavia, questo studio di RSL rilevato perclorati, ora in forma idrata, in aree diverse da quelle esplorate dai lander. Questa è anche la prima volta perclorati sono stati identificati dall'orbita.

MRO è all'esame Marte dal 2006, con i suoi sei strumenti scientifici.
"La capacità di MRO di osservare per più anni Marte con un carico utile in grado di vedere il dettaglio fine di queste caratteristiche ha consentito risultati come questi: via preliminare, la striature di stagione sconcertante e ora facendo un grande passo verso spiegando quello che sono", ha detto Rich Zurek, MRO scienziato del progetto al Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

Per Ojha, le nuove scoperte sono più la prova che le linee misteriose che prima vedeva oscuramento pendii di Marte a cinque anni fa sono, infatti, l'acqua oggi.

"Quando la maggior parte si parla di acqua su Marte, sono di solito a parlare di acqua antica o acqua ghiacciata", ha detto. "Ora sappiamo che c'è più per la storia. Questa è la prima rilevazione spettrale che supporta in modo inequivocabile le nostre ipotesi acqua-formazione dei liquidi per RSL."

La scoperta è l'ultima di molte innovazioni da missioni su Marte della NASA.
"Ci sono voluti nave spaziale più nell'arco di diversi anni per risolvere questo mistero, e ora sappiamo che c'è acqua liquida sulla superficie di questo freddo, pianeta deserto", ha detto Michael Meyer, scienziato di punta per Mars Exploration Program della NASA presso la sede dell'agenzia a Washington. "Sembra che il più studiamo Marte, più impariamo come la vita potrebbe essere sostenuto e dove ci sono le risorse per sostenere la vita in futuro."

Ci sono otto co-autori della carta Nature Geoscience, tra cui Mary Beth Wilhelm a Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California e Georgia Tech; CRISM Principal Investigator Scott Murchie della Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory a Laurel, Maryland; e HiRISE Principal Investigator Alfred McEwen della University of Arizona Lunar and Planetary Laboratory a Tucson, in Arizona. Altri sono a Georgia Tech, il Southwest Research Institute di Boulder, Colorado, e Laboratoire de Planetologie et Geodynamique a Nantes, in Francia.


Link correlati
Viaggio della NASA su Marte
Marte Notizie e informazioni a MarsDaily.com
Lunar Sogni e altro

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
MARSDAILY

Esperti Spazio svengono per 'Il marziano' nonostante imprecisioni
Con Kerry SHERIDAN
Miami (AFP) 25 set 2015


Sopravvivere nello spazio è difficile e gli scienziati dicono "Il marziano" mostra esattamente ciò che si troveranno ad affrontare sfide astronauti in una missione pionieristica su Marte, anche se contiene alcuni grandi imprecisioni direttamente dal get-go.

Caso in questione - la tempesta colossale che provoca l'equipaggio di abbandonare personaggio principale del film, botanico Mark Watney interpretato da Matt Damon, non avrebbe confezionato molto di un pugno sul Pianeta Rosso.

"La fondamentale premessa di partenza è completamente sbagliata", ha detto l'esperto di Marte Scott Hubbard, un professore di consulenza nel dipartimento di aeronautica e astronautica presso la Stanford University.

A causa della sottile atmosfera di Marte, velocità del vento potrebbero raggiungere solo circa la metà la forza di un uragano, e "probabilmente non essere percepito da un astronauta -. Per non parlare di porre il tipo di minaccia visto nel film"

Eppure, Hubbard e altri dicono che sono appassionati di storia - sia il romanzo, scritto da Andy Weir, e il film, diretto da Ridley Scott - perché fa rivivere gli ostacoli NASA deve superare, come si sforza di inviare uomini su Marte da parte dei 2030.

Nel film, la NASA è già lì, atterrando un equipaggio etnicamente diversificata sul Pianeta Rosso, dove il personaggio di Damon accidentalmente viene lasciato per morto con fornitura di cibo circa un mese.

Di fronte alla prospettiva di aspettare quattro anni, fino a quando una nave spaziale potrebbe tornare a lui, egli è costantemente pensando a quello che avrebbe potuto uccidere e come evitarlo - cioè, quando non sta ballando la musica disco lasciato alle spalle dal suo comandante o giurando, "sto andando ad avere per la scienza la merda di questo," al fine di sopravvivere.

"La cosa che ci piace del film è che mostra come si pensa uno, due, tre passi avanti", ha detto l'astronauta della NASA Rex Walheim.

- Che cosa è reale -

Nel film, che si apre negli Stati Uniti il ​​2 ottobre l'astronauta incagliato riesce a far crescere un raccolto di patate, che mangia con proteine ​​e vitamine bar, al fine di rimanere in vita.

Quando il suo personaggio si sente triste, dopo l'esecuzione di ketchup, schiaccia il antidolorifico Vicodin e spruzza sulle sue patate.

Ad un certo punto, Damon si proclama il più grande botanico del pianeta, il che è vero in quanto egli è l'unico.

Ma quando si vanta che è cresciuto centinaia di patate nel suo "merda", si prende un po 'di licenza creativa, ha detto Bruce Bugbee, direttore del dipartimento di piante, suolo e clima alla Utah State University.

"Lei non avrebbe mai messo liquami sulle piante", ha detto Bugbee, notando che il suo rifiuti dovrebbe essere compostati prima per uccidere tutti i batteri nocivi.

In caso contrario, Bugbee ha detto che è vero che gli scienziati sulla Terra hanno capito come far crescere le piante in ambienti difficili, così come l'anidride carbonica split (CO2) al fine di ottenere l'ossigeno, e per dividere l'acqua (H2O) per ottenere l'ossigeno.

Ciò che manca è un esperimento per verificare queste tecniche in una simulazione di Marte a lungo termine sulla Terra, sigillando la gente fuori in una zona senza ossigeno esterno o acqua e solo i propri strumenti per l'alimentazione e il riciclaggio dei rifiuti in crescita.

Ciò non è stato fatto negli Stati Uniti, dal momento che il progetto Biosfera 2 nel 1990.

Vi è una simulazione di Marte della NASA-finanziato durata di un anno in corso alle Hawaii, ma la sua attenzione è soprattutto la psicologia dell'equipaggio, non costruire un sistema alimentare autosufficiente.

"Sappiamo come fare tutto. La sfida sta praticando", ha detto Bugbee.

- Che cosa non è -

Pensionati astronauta della NASA Leroy Chiao ha detto che ha cercato di lasciare il suo "cappello tecnica" alla porta quando ha visto il film.

Ma ci sono stati un paio di scene che erano "poco plausibile e troppo", ha detto.

Uno ha coinvolto un astronauta fora un guanto di elaborare un propulsore. L'altro è venuto quando un membro dell'equipaggio messo una bomba improvvisata, che esplode solo una parte della nave spaziale.

"Non c'è modo uno dei due avrebbe funzionato!" Chiao detto.

Nelle scene quando Damon entra in contatto con l'equipaggio, egli tipi e legge i messaggi indietro in tempo reale, in cui ci sarebbe probabilmente un ritardo di molti minuti per arrivare messaggi su Marte e ritorno.

Né il film allude ai pericoli delle radiazioni nello spazio, e il rischio di cancro che probabilmente gambo di pionieri di Marte, se l'hanno fatta tornare sulla Terra.

Senza contare che la NASA sta ancora lavorando sulla macchina per l'uomo razzo per Marte. L'agenzia spaziale statunitense ha iniziato a testare la capsula Orion spazio profondo, ma il suo primo test di volo con equipaggio non può essere fino al 2023.

"Penso che la realtà è che anche se tutte quelle tecnologie erano pronti - se la Orione era magicamente pronta domani - ci sarebbe un no-go per il lancio perché il corpo umano non è ancora pronto per noi di andare su Marte," ha detto Camille Alleyne dell'ufficio scienza programma della Stazione Spaziale Internazionale.

Ma esperto di politica spaziale John Logsdon detto che si aspetta la storia sarà ispirare i giovani a continuare a lavorare sui modi per arrivarci.

"Penso che la linea di fondo sia del libro e il film è sì, vale la pena di fare," ha detto.



Link correlati
Marte Notizie e informazioni a MarsDaily.com
Lunar Sogni e altro

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

ESA> Le nostre attività> Navigazione> Il futuro - Galileo> Avvio Galileo

 
Satellitare Galileo
25 Settembre, 2015

Ultima coppia di satelliti Galileo in Europa ha superato il suo controllo iniziale nello spazio, permettendo il controllo per essere consegnato al principale centro di controllo e far parte della flotta in crescita.

"Questo è stato un inizio meravigliosamente liscia per la missione", ha commentato il direttore missione ESA, Richard Lumb.

"Dal decollo fino alla consegna al gestore della costellazione e oltre, questa è stata una prestazione da manuale, non solo dei satelliti, ma anche per tutte le operazioni e le squadre produttore a terra."

Galileos 9 e 10 sono stati lanciati la mattina del 11 settembre. Le loro vite individuali iniziarono nel giro di quattro ore, come si separarono dalla fase finale del loro razzi, supervisionato dal centro dell'ESA operazioni ESOC di Darmstadt, in Germania.

Giorni di sforzo round-the-clock seguito, per portare i satelliti per la vita, a cominciare segue con attenzione lo svolgersi delle loro ali solari e la loro punta verso il Sole

I vari elementi sono stati metodicamente satellitari accesi, la loro salute controllata e prepararono per il lavoro.

Controllo Galileo

Liviu Stefanov, un direttore di volo ESA, ha descritto il processo come "uno dei più regolare ancora.»

I satelliti hanno sparato i loro propulsori ad andare alla deriva verso il loro obiettivo posizioni orbitali a circa 23 222 km di altitudine - aiutata in questo caso da una iniezione orbitale quasi perfetto per cominciare.

Firings riprenderanno verso la fine del mese di ottobre per fermare la deriva e raggiungere il posizionamento di precisione in orbita, guidata da team di specialisti di dinamiche di volo ESOC.

La precisione del sistema Galileo si basa sulla posizione orbitale dei suoi satelliti essendo fissato ad un livello molto elevato di precisione.

Centro di controllo Galileo

Una volta sulla loro strada, i satelliti sono stati consegnati il ​​19 e 20 settembre, rispettivamente, al Centro di Controllo Galileo a Oberpfaffenhofen, Germania gestito da Spaceopal.

Il team di ingegneri dell'ESA e la francese CNES agenzia spaziale si stanno preparando per il lancio prossimo, prevista per dicembre. La fase iniziale per Galileos 11 e 12 sarà supervisionato da CNES a Tolosa, in Francia, che si alterna con l'ESOC come padroni di casa.

I payload di navigazione sul Galileos 9 e 10 devono ancora essere sottoposti a test dettagliati, guidati dal centro dell'ESA Redu in Belgio con il sostegno sia Oberpfaffenhofen e il secondo Centro di Controllo Galileo del Fucino, l'Italia, che ha la supervisione della missione di navigazione di Galileo.

Questa fase assicura la navigazione le ultime satelliti e di ricerca e soccorso carichi utili sia funzionante, dando loro un certificato di buona salute prima di poter aderire costellazione Galileo.

Breadcrumbs

Syndication

feed-image My Blog
© 2017 italo-inca.naunet.eu
Design by vonfio.de